201807.09
0

Milano, 9 luglio 2018Il Tribunale di Roma con ordinanza del 31 maggio 2018 ha accolto il ricorso presentato dall’Associazione Luca Coscioni nei confronti di un operatore privato con il quale era stata paventata la violazione della L. n. 67 del 2006, in quanto gli autobus in dotazione del resistente non consentirebbero alle persone disabili di usufruire dei medesimi in condizioni di autonomia e sicurezza, poiché privi non soltanto delle pedane per la salita e la discesa delle persone con difficoltà motorie, ma anche di adeguati spazi per lo stazionamento delle sedie a ruote.

Il Tribunale Capitolino ha ritenuto integrata una forma di discriminazione indiretta ex art. 2 L. n. 67 del 2006,secondo cui tale forma di discriminazione ricorre “quando una disposizione, un criterio, una prassi, un atto, un patto o un comportamento apparentemente neutri mettono una persona con disabilità in posizione di svantaggio rispetto ad altre persone”, in quanto per le persone con disabilità motoria la fruizione degli autobus dell’operatore privato convenuto risulta di fatto preclusa o comunque caratterizzata da condizione di estrema difficoltà oltreché lesive della dignità individuale.

Il resistente è stato pertanto condannato ad adeguare i propri mezzi entro 60 giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza in modo tale da consentire l’accesso al servizio di trasporto su strada dallo stesso offerto anche alle persone con disabilità motorie, cui si è aggiunta la sanzione accessoria della condanna alla pubblicazione dell’ordinanza su un quotidiano a diffusione nazionale.

In precedenza la giurisprudenza finora aveva ritenuto sussistenti condotte di discriminazione indiretta per la mancanza di mezzi idonei a garantire la salita e la discesa dai vagoni della metropolitana (Pret. Roma, ord. 4 giugno 1980) ovvero dagli autobus in dotazione degli operatori del trasporto pubblico locale (Trib. Roma 8 marzo 2012; Trib. Vicenza 23 settembre 2017).

 

Questo approfondimento rientra nel progetto WePeA per il Disability Pride Day 2018: https://www.pavia-ansaldo.it/wepea-per-il-disability-pride-day-15-luglio-

 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all'assenza di assistenza legale specifica.