desk russia e paesi csi
image_pdfimage_print

Russia: Semplificazione della procedura di ottenimento del permesso di soggiorno per gli investitori esteri

Il 27 aprile 2021 è stato proposto alla Duma di Stato (la camera bassa dell’Assemblea Federale della Federazione Russa) il disegno di legge “Sulle modifiche alla Legge Federale “Sullo stato giuridico dei cittadini stranieri nella Federazione Russa” volto a semplificare la procedura di ottenimento dei permessi di soggiorno da parte degli investitori esteri.

 

Tale disegno di legge è stato elaborato in esecuzione del piano sulla politica migratoria della Federazione Russa per il periodo dal 2019 al 2025 ed è finalizzato alla creazione di ulteriori condizioni favorevoli per gli investimenti e lo sviluppo del business.

 

Ricordiamo che tale iniziativa fa parte di una serie di provvedimenti volti ad attrarre investimenti esteri nella Federazione Russa, tra cui, ad esempio, la Tutela ed incentivazione degli investimenti e la creazione delle Zone economiche speciali.

 

Si prevede che un cittadino straniero che effettua investimenti nella Federazione Russa, assieme ai suoi famigliari, avrà la possibilità di ottenere il permesso di soggiorno nella Federazione Russa a tempo indeterminato senza previo ottenimento del permesso di soggiorno temporaneo.

 

A seguito dell’adozione delle modifiche proposte dal disegno di legge dovrà essere elaborato un provvedimento del Governo della Federazione Russa che specificherà i criteri che l’investitore estero dovrà rispettare al fine di usufruire dell’agevolazione di cui sopra.

 

Il disegno di legge è in linea con le disposizioni dell’Accordo sull’Unione Economica Euroasiatica del 29 maggio 2014, nonché con gli accordi internazionali della Federazione Russa.

 

Un’analoga iniziativa per gli investitori esteri è stata prevista anche in Italia dalla Legge n. 232 dell’11 dicembre 2016 (Legge bilancio) e successive modifiche.

 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all’assenza di assistenza legale specifica.