201808.03
0

Milano, 3 agosto 2018 - L’art.1, comma 2, lett. qq) del decreto 231/2007, come modificato dal d.lgs. 90/2017, reca una definizione – in larga parte derivante da quella già delineata dagli studi della Banca d’Italia e della Banca centrale europea – di valuta virtuale (o criptovaluta) quale “rappresentazione digitale di valore […] utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente”, enfatizzando come essa non sia “emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica”, né sia “necessariamente collegata a una valuta avente corso legale”. Più recentemente, anche il legislatore europeo ha regolamentato il fenomeno delle valute virtuali con la V direttiva Antiriciclaggio (Direttiva (UE) 2018/843).

La nascita delle valute virtuali è coincisa con la crisi finanziaria del 2008, quando un gruppo di informatici decise di impegnarsi nella creazione di un sistema finanziario del tutto innovativo, che prescindesse dalle banche e in cui i privati potessero utilizzare tra loro un strumento di pagamento senza coinvolgere alcuna autorità o intermediario. La risposta tecnologica a questa esigenza giunse grazie all’impiego degli algoritmi crittografici, cui si deve la scelta del nome “criptovaluta”.

Nonostante originariamente le criptovalute fossero state pensate come uno strumento di pagamento del tutto decentralizzato e bidirezionale, le cui transazioni dovevano essere costruite e convalidate da complessi metodi basati sulla crittografia con tutti i soggetti situati in una posizione paritetica (peer to peer), oggi esistono anche valute che possono essere emesse e gestite da un singolo ente, spesso impiegate nell’ambito di comunità virtuali.

La più celebre delle criptovalute è senz’altro il Bitcoin, sebbene esistano più di 1600 valute virtuali sul mercato: Ether, Ripple e Litecoin sono soltanto le più note di un elenco che è in continua evoluzione.

Data la novità del fenomeno e la problematicità di molti aspetti, vi è una relativa mancanza di norme internazionali disciplinanti le valute virtuali.

Per leggere i commenti di tutti i termini del nostro glossario PeA FinTech Sillabo: https://www.pavia-ansaldo.it/fintech-sillabo/

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all'assenza di assistenza legale specifica.