201802.14
0

Martedì, 14 febbraio 2018 - Agostino Migone, Partner dello studio, ha contribuito alla stesura del libro promosso dal gruppo dei giovani Avvocati di  ASLA (l’Associazione degli Studi Legali Associati), recentemente edito da Giuffrè con il titolo: "Professione: Avvocato -  le qualità distintive della professione raccontate dagli Avvocati”, a cura di Alessandro Barzaghi e Lia Campione, con la presentazione di Remo Danovi, Presidente dell'Ordine degli Avvocati di Milano. Il libro raccoglie i contributi di 18 autori ed è stato di recente presentato dagli stessi in un evento dell’Ordine milanese, gremito – ci si augura – non solo per i crediti formativi concessi.

Si tratta di un testo che restituisce uno sguardo privilegiato sull'avvocatura, filtrato dagli occhi di legali di diverse età, provenienti da esperienze variegate, che raccolgono una proposta semplice e al contempo sfidante che proviene da Colleghi più giovani: descrivere una qualità, una sola, che ritengono necessaria a un buon Avvocato – al di là ovviamente dell’indispensabile buona preparazione giuridica.

Senza alcuna indicazione redazionale, ciascun autore ha quindi scelto di raccontare una caratteristica rappresentativa della professione e il risultato è uno spaccato della professione che possiamo definire di sicuro interesse, in quanto proveniente da vita vissuta: mente aperta (curiosità, creatività, flessibilità, visione d’insieme); virtù etiche (rispetto, rettitudine, riservatezza); serietà (diligenza, pazienza, coscienza del ruolo); inclinazione psicologica (intuizione, empatia) non sono infatti doti che si imparano sui libri.

Ne è scaturito un lavoro originale, del tutto in linea con l'obiettivo di partenza di essere utile ai giovani (aspiranti avvocati o meno) che devono scegliere il proprio futuro, ma anche ad un (più) grande pubblico che voglia meglio conoscere la professione forense e, come occasione di riflessione sul ruolo e la funzione stessa dell'avvocatura, allo stesso mondo del diritto: forse non a caso il taglio – volutamente non accademico – dell’opera è sottolineato dalla collana di cui fa parte: “Diritto e Rovescio”.