201802.22
0

Milano, 22 febbraio 2018 - Con una recente decisione, l’ACF (o Arbitro per le Controversie Finanziarie, l’organismo di risoluzione stragiudiziale delle controversie in materia di intermediazione finanziaria istituito presso la Consob) è intervenuto sul tema della qualificazione delle polizze assicurative dei rami Vita, chiarendo che dal novero dei “prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione” (tra cui, per legge, sono incluse le polizze linked di ramo III e i contratti di capitalizzazione di cui al ramo V) devono essere escluse le polizze c.d. “multiramo”, nonostante le stesse presentino caratteristiche in parte riconducibili ai due rami predetti.

Più in particolare il Collegio ACF, al quale era stato chiesto di dichiarare l’invalidità di due “polizze assicurative miste con cedole a premio unico”, ha ritenuto necessario definire il procedimento in rito, dichiarandosi incompetente per materia proprio per il fatto di essere in presenza non di un prodotto finanziario bensì puramente assicurativo. A tale riguardo il Collegio ha valorizzato il fatto che le polizze “multiramo” non sono oggetto di alcun riferimento da parte della normativa del TUF, diversamente dai “prodotti finanziari” dei rami III e V, per i quali gli artt. 1, lett. w-bis e 25-bis TUF dettano una specifica disciplina. Per l’effetto, sebbene le stesse polizze siano “caratterizzate dalla combinazione di coperture assicurative di «ramo I»” e dei rami III e V (e quindi siano in parte ‘direttamente collegate al valore di quote di fondi interni o esterni o di indici di borsa’), esse trovano tuttora la loro regolamentazione nel Codice delle Assicurazioni e sono sottoposte alla vigilanza nonché ai regolamenti dell’IVASS. Ciò del resto – osserva il Collegio – emerge dalla Circolare ISVAP n. 551/2005, recante disposizioni oggi espressamente dedicate ai “prodotti caratterizzati dalla combinazione delle assicurazioni di ramo I con le assicurazioni di ramo III e V”.

Il testo integrale del provvedimento è reperibile al link https://goo.gl/bX6cB9 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all’assenza di assistenza legale specifica.