L’Arbitrato Amministrato (3)

Milano, 18 febbraio 2020Arbitrato – Nella sua rubrica radiofonica “Pillole di Arbitrato”, il nostro Roberto Oliva prosegue l’esame dell’Arbitrato Amministrato, volgendo la sua attenzione all’estero e in particolare all’ICC e al suo regolamento di arbitrato. Ha così dato atto delle statistiche di questa istituzione, che la confermano tra le principali a livello mondiale, illustrando taluni dei motivi per i quali le parti possono scegliere (e preferire) un arbitrato amministrato dall’ICC nonostante possa essere più costoso di un procedimento amministrato da altre istituzioni.

Approfondendo il tema dei costi, ha descritto la procedura accelerata, introdotta con il regolamento arbitrale entrato in vigore il 1° marzo 2017 alla ricerca di una maggior efficienza e di un contenimento dei costi, e sottoposto ai suoi ascoltatori una questione sempre attuale: la scelta tra tribunale arbitrale composto da tre membri e arbitro unico.

Di questo tema, e della formulazione e del contenuto della clausola compromissoria, parlerà nelle prossime settimane, sempre dai microfoni di IUSLAW WEBRADIO.

Per ascoltare l’ultima puntata di “Pillole di Arbitrato” https://webradioiuslaw.it/pillole-di-arbitrato-arbitrato-amministrato-larbitrato-internazionale-della-international-chamber-of-commerce-avv-roberto-oliva/

 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all’assenza di assistenza legale specifica.

image_pdfimage_print