Scroll Top

image_pdfimage_print

Kazakistan: Zone economiche speciali

(aggiornamento 2022)

Il Kazakistan è un paese ricco di storia, che offre grandi prospettive e che è nel processo di entrare a far parte dei sistemi economici più competitivi al mondo.

Il territorio Kazako dispone di risorse minerarie uniche e di significativi giacimenti petroliferi e di gas.

Il Kazakistan è inoltre membro dell’Unione Economica Eurasiatica insieme a Russia, Bielorussia, Armenia e Kirghizistan.

Le Zone Economiche Speciali (ZES) sono particolari località della Repubblica del Kazakistan caratterizzate da un regime legale di tipo speciale e da specifiche infrastrutture demandate allo svolgimento di alcune attività considerate prioritarie.

La costituzione e la vita delle ZES sono regolate dalla Costituzione della Repubblica del Kazakistan, dalla Legge della Repubblica del Kazakistan “Sulle zone economiche speciali nella Repubblica del Kazakistan” e da altre fonti normative Kazake.

Attualmente, in Kazakistan, sono presenti 13 ZES specializzate in diversi settori industriali, tra i quali: l’industria petrolchimica, la chimica, la metallurgica, la logistica, etc.

I residenti di ciascuna ZES godono di diverse agevolazioni fiscali e doganali, tra cui:

  • particolari esenzioni fiscali (imposta sul reddito delle società, imposta fondiaria, dazi doganali, imposta sul valore aggiunto sui prodotti di importazione, imposta sugli immobili);
  • la concessione di un sito produttivo collegato alle necessarie infrastrutture;
  • la possibilità di assumere manodopera straniera al di fuori delle quote e delle restrizioni in materia di immigrazione.

Le ZES offrono agli investitori stranieri condizioni privilegiate per lo svolgimento della loro attività economica anche grazie all’eliminazione di barriere amministrative e alla presenza di agevolazioni all’accesso al mercato kazako. A questi vantaggi va aggiunto che la posizione geografica strategica del Kazakistan permette di esportare agevolmente ed in breve tempo i beni prodotti in tali regioni verso i mercati europei, del Medio Oriente e dell’APAC.