Scroll Top

image_pdfimage_print

IL GREENER LITIGATION ARRIVA IN ITALIA: PAVIA E ANSALDO PRIMO FIRMATARIO

 

Con l’adesione al Greener Litigation Pledge, lo Studio si impegna ad adottare misure attive per ridurre l’impatto ambientale della risoluzione delle controversie in Italia

 

Milano, 19 ottobre 2022 Greener Litigation, collettivo di professionisti del settore legale attivamente impegnati a ridurre l’impatto ambientale nella risoluzione delle controversie e dei contenziosi condotti nei tribunali di Inghilterra e Galles, ha annunciato oggi il lancio del Greener Litigation Pledge Italia, con Pavia e Ansaldo primo firmatario.

 

L’espansione dell’iniziativa a livello internazionale segna un significativo passo in avanti per Greener Litigation il cui obiettivo è di collaborare con gli avvocati in ambito globale allo scopo di creare ulteriori collegamenti in giurisdizioni non britanniche promuovendo una risoluzione delle controversie che sia sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

 

Greener Litigation Italia è nata grazie all’interesse dello studio Pavia e Ansaldo che ha chiesto di aderire all’iniziativa aprendo un dialogo con gli ideatori del movimento e riconoscendo il successo del Greener Litigation Pledge che ad oggi conta 77 firmatari.

In particolare, mentre una parte delle organizzazioni con sede al di fuori del Regno Unito ha scelto di procedere alla sola sottoscrizione del Greener Litigation Pledge, il percorso inaugurato da Pavia e Ansaldo con la costituzione di Greener Litigation Italia consente alle organizzazioni legali nazionali, che scelgono di aderire al manifesto, di impegnarsi ad apportare cambiamenti mirati per l’esercizio della professione nella giurisdizione italiana.

 

Sottoscrivendo il Pledge, Pavia e Ansaldo adotta misure attive per ridurre l’impatto ambientale nel processo di risoluzione delle controversie in Italia, impegnandosi a limitare al minimo le emissioni di CO2 generate dalla produzione di documenti cartacei e dai viaggi internazionali.

 

Olivia Wybraniec, Managing Associate Barrister di Mishcon de Reya e membro del Comitato Direttivo di Greener Litigation, ha commentato: “Siamo entusiasti di annunciare il lancio del Greener Litigation Pledge in Italia. Il cambiamento climatico è una questione senza confini, non possiamo quindi che essere entusiasti che lo studio Pavia e Ansaldo abbia scelto di assumersi questo importante impegno e di diventarne il primo firmatario, facendosi promotori dell’impegno nella riduzione dell’impatto delle emissioni di CO2 legate alle attività legali con i professionisti italiani.”

 

Roberto Oliva, Partner di Pavia e Ansaldo, ha commentato: “Siamo molto orgogliosi di rappresentare l’Italia per il lancio del Greneer Litigation Pledge e ci impegniamo a promuoverlo nella nostra giurisdizione, in quanto crediamo fortemente negli obiettivi che questo manifesto propone.  Pavia e Ansaldo ha contribuito alla formazione della professione legale italiana nel XX secolo ed è pronta a fare lo stesso nel XXI secolo, affrontando nuove sfide come l’ineludibile necessità di ridurre l’impatto ambientale preservando il pianeta per noi stessi e per le generazioni future. Questa forte volontà conferma l’impegno che da sempre lo Studio ha riservato alla sostenibilità e alla tutela e cura dell’ambiente, e ringraziamo vivamente Mishcon de Reya per aver coinvolto Pavia e Ansaldo in questa importante iniziativa.