Decreto liquidità: misure urgenti in materia di golden power

Milano, 12 giugno 2020 – Il Decreto liquidità (8 aprile) ha introdotto in Italia nuove misure urgenti in materia di golden power, assoggettando a preventiva notifica al Governo le operazioni (delibere e atti che modificano la titolarità, il controllo o la disponibilità degli attivi strategici e acquisizioni a qualsiasi titolo di partecipazioni da parte di soggetti esteri, anche appartenenti all’Unione Europea) riguardanti:

  1. a) infrastrutture ‘critiche’ (nei settori energia, trasporti, acqua, salute, aerospaziale, finanziario, creditizio, assicurativo e archiviazione di dati)
  2. b) tecnologie ‘critiche’ (nei settori intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori, cibersicurezza, nano e biotecnologie);
  3. c)  la sicurezza alimentare;
  4. d) l’accesso a informazioni sensibili e dati personali;
  5. e) il pluralismo dei media.

Lo scorso 5 giugno il Decreto Liquidità è stato convertito in legge (n. 40/2020). In sede di conversione, sono state introdotte ulteriori specificazioni con riferimento alla golden power, tra cui si segnalano:

– l’inclusione del settore sanitario (seppur limitatamente alla produzione, all’importazione e alla distribuzione all’ingrosso di dispositivi medici, medico-chirurgici e di protezione individuale);

– l’inclusione dei settori agroalimentare e siderurgico (che perseguono l’ulteriore finalità della tutela del mantenimento dei livelli occupazionali e della produttività nel territorio nazionale).

 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all’assenza di assistenza legale specifica.