image_pdfimage_print

Dea Capital investe nel Gruppo Zephyr: gli studi

 

Milano, 28 giugno 2021 – Lo Studio legale Pavia e Ansaldo ha fornito assistenza legale e fiscale a Dea Capital Alternative Funds nella prima operazione di acquisizione del fondo “Sviluppo Sostenibile” avente ad oggetto una partecipazione di maggioranza di Zephyr Group.

 

Fondata nel 1974 a La Spezia, Zephyr è una delle principali realtà europee attive nella distribuzione di parti di ricambio per motori navali mercantili e slow ferry, oltre che per i motori delle centrali di produzione di energia elettrica. Nel 2018, grazie all’acquisizione della concorrente spagnola Skandiaverken con oltre 150 anni di storia, Zephyr ha consolidato la propria posizione di leadership in Europa tra i distributori indipendenti.

 

Pavia e Ansaldo ha assistito l’acquirente con un team coordinato dai partner Alberto Bianco, per la parte legale, e Giuseppe Alessandro Galeano, per la parte fiscale relativa alla due diligence e alla strutturazione dell’operazione, e formato da Erica Lepore, Martina Bosi, Giulio Nobile e Biancamaria Veronese, in relazione agli aspetti Corporate, M&A e banking e da Francesca Marchiori, Niccolò Poggio, Gianluca Disabato e Andrea Orlandi per la parte fiscale. Gli aspetti relativi al diritto spagnolo sono stati curati dalla sede di Barcellona con la partner Meritxell Roca Ortega coadiuvata da Alessandro Tenchini e Javier Vicente, mentre i profili antitrust sono stati curati dal partner Filippo Fioretti.

 

I venditori, che mantengono un ruolo operativo in azienda e una partecipazione di minoranza qualificata, sono stati assistiti dallo Studio legale Portolano Cavallo, con un team formato dai partner Luca Gambini e Francesco Portolano e dall’associate Ginevra Sforza, per gli aspetti legali, e da Oaklins Italy, con un team formato dal Managing Director Davide Milano e dal Director Carlo Corsi per gli aspetti finanziari.

 

L’operazione è stata finanziata da Banco BPM S.p.A. assistita dallo Studio DWF con un team di banking & finance coordinato dall’avvocato Gianni Vettorello.