201512.04
0

Milano, 25 luglio 2014 - Pavia e Ansaldo ha assistito le principali sigle sindacali nazionali e lombarde del trasporto pubblico locale non di linea (FIT-CISL, UGL, Confcooperative, Unione Artigiani, SATAM, TAM, Uritaxi, AGCI) e le tre maggiori società di radiotaxi milanesi (TaxiBlu 4040, Autoradiotassi 8585 e Yellowtaxi 6969) nell’inchiesta e nel relativo procedimento sanzionatorio avviato dalla Commissione di Garanzia sugli scioperi in relazione ai blocchi non autorizzati del servizio taxi verificatisi nella città di Milano nello scorso mese di maggio per protestare contro la multinazionale UBER.

Con delibera pubblicata ieri, la Commissione ha riconosciuto l’assenza di ogni responsabilità (relativamente alla promozione e al coordinamento degli scioperi non autorizzati) in capo alle organizzazioni sindacali e alle società sottoposte ad inchiesta, non procedendo così all’irrogazione di alcuna sanzione pecuniaria nei loro confronti.

L’operazione è stata seguita dagli avvocati Nico Moravia e Marco Giustiniani del dipartimento di Diritto Amministrativo.