201807.20
0

Milano, 20 luglio 2018 - Il 17 luglio 2018 la Commissione Europea ha reso noto che Unione Europea e Giappone, in concomitanza con la definizione dell’Economic Partnership Agreement (EPA), hanno concluso positivamente i colloqui sull'adeguatezza reciproca, convenendo di riconoscere come "equivalenti" i rispettivi sistemi di protezione dei dati. In futuro i dati potranno quindi circolare in modo sicuro tra l'UE – dove dal 25 maggio 2018 è divenuto applicabile il GDPR - e il Giappone.

Ciascuna parte avvierà ora le procedure interne per l'adozione della decisione di adeguatezza. Per l'Unione europea queste prevedono l'ottenimento del parere del Comitato Europeo per la protezione dei dati (che, a partire dal 25 maggio 2018, ha sostituito il Working Party 29) e il via libera di un comitato composto di rappresentanti degli Stati membri dell'UE.

Una volta terminata la procedura, la Commissione adotterà la decisione di adeguatezza sul Giappone.

Prima che la Commissione adotti formalmente tale decisione di adeguatezza – verosimilmente entro l’autunno - il Giappone si è impegnato a mettere in atto le seguenti garanzie supplementari:

(i)  una serie di norme che forniscono alle persone nell'UE i cui dati personali sono trasferiti in Giappone garanzie supplementari che elimineranno alcune differenze tra i due sistemi di protezione dei dati. Queste garanzie supplementari rafforzeranno, ad esempio, la protezione dei dati sensibili, le condizioni alle quali i dati dell'UE possono essere successivamente trasferiti dal Giappone verso un altro paese terzo e l'esercizio dei diritti individuali di accesso e di rettifica. Queste norme saranno vincolanti per le imprese giapponesi che importano dati dall'UE e potranno essere fatte valere dall'autorità giapponese indipendente per la protezione dei dati e dalle autorità giurisdizionali giapponesi;

(ii)  un meccanismo di gestione dei reclami per l'esame e la risoluzione dei reclami proposti dai cittadini europei riguardo all'accesso ai loro dati da parte delle autorità pubbliche giapponesi. Questo meccanismo sarà gestito e controllato dall'autorità giapponese indipendente per la protezione dei dati.

 

 

_________
DISCLAIMER
Il presente comunicato è divulgato a scopo conoscitivo per promuovere il valore dell’informazione giuridica. Non costituisce un parere e non può essere utilizzato come sostitutivo di una consulenza, né per sopperire all'assenza di assistenza legale specifica.